Giorgio Bonazzoli – Formare i preti locali in Papua – Padre Gheddo su Radio Maria

Cari ascoltatori di Radio Maria, la mia rubrica mensile intitolata “La missione continua” è centrata sulla missione alle genti, sui missionari e le giovani Chiese. Nel dicembre scorso ho presentato padre Antonio Grugni e la sua “Missione della testimonianza” in India; questa sera vi parlo di un missionario che vive e lavora in un paese lontanissimo da noi, letteralmente dall’altra parte del mondo, in Oceania, la grande isola della Papua Nuova Guinea: padre Giorgio Bonazzoli, insegnante e formatore dei nuovi sacerdoti. Un compito importante in tutte le parti del mondo e specialmente nelle missioni, per dare alle giovani Chiese un clero innamorato di Cristo e istruito sui temi della fede cristiana. Svolgo il tema in tre parti:

  1. – Giorgio in India e il dialogo con l’induismo

2 – La Papua paese cristiano e la Chiesa

UN AIUTO PER INIZIATIVE MISSIONARIE: il tuo 5 per 1000 può fare molto per gli ultimi, per chi e' sfruttato, per difendere la vita sul tuo 730, modello Unico, scrivi 97610280014

3 – Giorgio Bonazzoli e la formazione dei preti dove nasce la Chiesa.

I° Parte – 25 anni di dialogo con l’Induismo

Nella prima parte della mia catechesi vi racconto la vita e l’esperienza missionaria di padre Giorgio Bonazzoli, sempre impegnato in compiti di frontiera della missione: il dialogo con l’induismo in India e la formazione dei giovani seminaristi in Papua Nuova Guinea.

In questa rubrica di Radio Maria, “La missione continua” a me affidata, ho presentato molte volte figure di missionari impegnati nell’apostolato diretto per l’annunzio di Cristo ai non cristiani, in opere di carità e di educazione, fra i baraccati, i ragazzi di strada, in parrocchie già costituite, in lebbrosari, orfanotrofi e via dicendo.

Oggi, grazie a Dio, quasi ovunque fra i popoli non cristiani la Chiesa è costituita con vescovi e clero locale e molto spesso le vocazioni sacerdotali e religiose sarebbero sufficienti per l’assistenza ai battezzati. I missionari stranieri sono ancora richiesti dai vescovi locali, ma specialmente per compiti che richiedono una preparazione speciale, come appunto il dialogo inter-religioso e la formzione dei nuovi sacerdoti locali.

Nato a Cremona nel 1934, sacerdote nel 1958, padre Bonazzoli ha insegnato latino e greco nel seminario liceale del Pime a Monza, mentre studiava all’Università cattolica di Milano. Si è laureato in lettere classiche con specializzazione in sanscrito, la lingua sacra dell’India. Infatti la sua prima esperienza missionaria è stata in India, dal 1964 al 1989 con alcuni soggiorni in Italia e specialmente in Germania, dove ha studiato il tedesco e l’indologia e si è laureato in teologia all’Università di Muenster e poi alla Gregoriana a Roma. Dal 1993 ad oggi è in Papua Nuova Guinea, ma di questo dirò più avanti. Molto interessante è stata la sua esperienza in India.

Il Concilio Vaticano II (1962-1965) ha causato un’autentica rivoluzione nelle missioni, specialmente in Asia, con il dialogo inter-religioso. Quando ho studiato teologia al Pime negli anni 1949-1953 e poi all’Università Urbaniana a Roma (1954-1958), le religioni non cristiane erano viste come nemiche di Cristo. La prima Enciclica di Paolo VI è stata la “Ecclesiam Suam” del marzo 1963 dedicata al dialogo e poi la Dichiarazione del Concilio “Nostra Aetate” (approvata nell’ottobre 1965) e la fondazione del “Segretariato per i non cristiani” da parte di Paolo VI nell’anno 1965, sono tutti segni che la Chiesa ha imboccato una via nuova, di cui anche noi dobbiamo renderci conto.

Padre Giorgio era innamorato dell’India anche prima di andarci. Infatti, studiando all’Università cattolica lettere classiche, ha preso la specializzazione del sanscrito, l’antica lingua dell’India e dei testi sacri dell’induismo. Ha insegnato qualche anno nel liceo del Pime a Monza le lingue latino e greco e nell’ottobre 1964 è riuscito ad andare in India, a Benares, la città santa dell’induismo. L’ho incontrato nel dicembre 1964 in un monastero indù di Benares.

Era riuscito ad entrare in India per fare il dialogo con l’induismo, ma non aveva ancora il visto permanente dal governo indiano. Si è iscritto all’Università e poi ha fatto alcune proposte di lavoro al maharaja di Benares, che l’ha assunto per la traduzione di antichi testi indù dal sanscrito all’inglese e intanto viveva fra i monaci indù e sviluppava un certo dialogo inter-religioso.

Nel dicembre scorso l’ho intervistato a Milano, di ritorno dalla Papua per una vacanza in Italia. Mi ha detto:

Quando sono andato in India erano gli anni del Concilio Vaticano II, la missione alle genti stava rapidamente cambiando perché i popoli non cristiani avevano acquistato l’indipendenza politica e la coscienza delle loro culture e religioni. Si parlava di vie nuove per la missione. Sono andato in India per conoscere dal di dentro il mondo indù, studiare la cultura indiana, assimilare i valori indù, dialogare con i monaci e i teologi indù. Non per presentare apertamente Cristo, ma nel dialogo parlare di Cristo, quando era possibile e opportuno. Sono andato a vivere in un monastero indù a Benares e dicevo: finora noi abbiamo parlato e parlato, ma abbiamo ascoltato poco. Adesso lasciamo parlare loro e ascoltiamo”.

Ho incontrato padre Giorgio a Benares circa due mesi dopo il suo arrivo in India, nel dicembre 1964. Abitava in una piccola cella di un monastero indù in una povertà commovente. Dormiva su una plancia di legno sostenuta da due appoggi, sul duro legno coperto da una stuoia di paglia, con una coperta e un tarello di legno come cuscino. Mangiava vegetariano come i monaci indù, riso bollito condito con sale e peperoncino, verdure e qualche frutto locale (banane, manghi, papaie). Frequentava l’università, imparava la lingua nazionale dell’India, l’hindi (derivata dal sanscrito), e lavorava alla pubblicazione critica dei testi dei Purana, testi sacri indù in sanscrito, e alla loro traduzione in inglese. Riceveva un piccolo stipendio dal maharaja di Benares per quel lavoro, che aveva lui stesso cercato, per ottenere dal governo indiano il permesso di residenza permanente in India. Infatti c’è rimasto per 25 anni. Allora in Benares, che oggi si chiama Varanasi, la presenza cristiana era minima, quindi padre Giorgio viveva proprio isolato nel mondo indù.

Mi sono fatto l’idea, lasciatemelo dire, che quella vita era veramente eroica, totalmente immerso in un mondo sconosciuto e molto povero, dopo appena tre mesi che era arrivato in India. Però padre Giorgio si dichiarava soddisfatto di quella sistemazione. Era giovane (aveva 31 anni) e stava iniziando la sua vita di missione.

Oggi così sintetizza la sua esperienza di 25 anni in India: “Il mio tentativo era di conoscere l’induismo dall’interno, andare nei templi indù, parlare e pregare con i monaci e il popolo dei fedeli, partecipare alle loro feste, leggere i loro testi sacri, per sentire dentro di me cos’è questo induismo e quali sentimenti suscita questa fede religiosa. Naturalmente tenendo sempre presente che io sono un sacerdote di Cristo e amo Cristo. Ma insomma, c’era anche un certo rischio, perché l’induismo non è una religione all’acqua di rose, ti prende, ti affascina. Forse il buddhismo per un altro verso ti prende anche di più, ma il buddhismo è più intellettuale, l’induismo è anche intellettuale, ma è soprattutto popolare, è devozione, è cuore”.

L’avventura di padre Giorgio nel tentare di scoprire i misteri dell’induismo, mi fa venire in mente i viaggi dei confratelli del Pime che hanno esplorato territori nuovi in cui annunziare Cristo: nelle isole inesplorate dell’Oceania, fra i tribali nel nord-est della Birmania, nelle regioni forestali a nord del fiume Gange, sui fiumi e fra gli indios delle foreste amazzoniche. Quante avventure e quanti pericoli!

Padre Bonazzoli è un esploratore del nostro tempo. Oggi non si tratta più di scoprire nuove terre, ma di entrare nell’universo (sconosciuto a noi cristiani) di una grande religione, l’induismo; del quale, egli dice, si conoscono e si leggono i testi sacri, ma pochi sono i preti cattolici che hanno sperimentato il pathos di questa religione, conservando la fede in Cristo! (Monchanin, Le Saux, Panikkar).

Infatti, il tentativo quotidiano di inserirsi in un mondo religioso molto diverso da quello cristiano, ad un certo punto mette in crisi padre Giorgio, che oggi dice lui stesso: “Ho avuto paura della via che stavo percorrendo, che era una via di equilibrio psicologico e intellettuale fra sensibilità cristiana e sensibilità indù. Temevo di spingermi troppo oltre e sentivo un po’ in pericolo la mia fede, anche se ho sempre pregato il Signore Gesù di aiutarmi e affrontavo quella faticaccia con retta intenzione. Comunque, sono tornato in Italia per parlare con i superiori, ma ho visto che non capivano il mio problema, la mia pena e la mia angoscia. Erano troppo lontani dalla mia esperienza e a me non era facile e non c’era nemmeno il tempo di spiegarmi fino in fondo. Sono tornato in India con le mie difficoltà e il Signore mi ha aiutato a superare quel periodo difficile ma anche affascinante della mia vita”.

Ricordo che negli anni settanta ho incontrato a Milano padre Bonazzoli e volevo fargli un’intervista sulla sua esperienza di dialogo con gli indù, ma lui mi diceva: “Non capiresti perché sono anch’io in una fase di elaborazione. Non ho ancora capito neanch’io questo misterioso induismo, non ho certezze, ma solo interrogativi”.

Oggi padre Giorgio dice: “Sono stato due anni in questa situazione, senza più contatti con i superiori, fin che un bel giorno è venuto a trovarmi padre Filippo Commissari, che faceva parte della direzione generale del Pime. Non abbiamo fatto discorsi intellettuali, ma il fatto stesso che fosse venuto a trovarmi rimanendo qualche giorno con me, mi ha fatto capire che ero ancora considerato e trattato come un padre del Pime e ho superato quel periodo di crisi, di incertezza.

“E’ in quel periodo che ho scritto la frase: “Più divento indù e più mi ritrovo cristiano”. Frase che adesso non scriverei più perchè non corrisponde più alla mia mentalità. Allora ero immerso nell’induismo. Facevo il bagno sacro lavandomi nel Gange, seguivo a partecipavo agli altri riti indù. Tutto questo all’inizio mi era piaciuto molto, poi mi ha creato tensioni interne. Chi vede l’induismo dall’esterno come fa il turista, gli sembra un rito strano, curioso. Ma il cristiano che cerca di viverlo dall’interno rischia di andare in crisi. Allora ho pregato e riscoperto certe dimensioni spirituali del rapporto con Cristo, che prima non conoscevo o che avevo dimenticato”.

Quando nel 1977 sono andato di nuovo a trovare padre Bonazzoli a Benares, ho parlato molto con lui e mi ha fatto vedere nella tua stanzetta una cassettina di ferro con lo specchio davanti che c’è sopra il lavandino, dove in genere si mette il materiale per la barba. Giorgio ha aperto lo sportello e ha detto: “Vedi, Piero, qui c’è Gesù”. E l’ha detto con un tale accento appassionato, che mi ha commosso e rassicurato. Gli chiedo se ha continuato ad amare e credere in Cristo.

Risponde: “Sì, la fede e l’amore a Cristo non li ho mai persi, anzi quell’esperienza ha rafforzato la mia fede. Però, intanto, fra i teologi si è parlato meno di dialogo come strumento per conoscere, incontrare e capire le altre esperienze religiose, anche perché i non cristiani dicevano che era solo uno strumento di noi cristiani per convertirli al cristianesimo. A me questo è sembrato un tradimento, come chi ti viene incontro in modo amichevole, ma il dialogo fosse fin dall’inizio finalizzato alla conversione di colui col quale dialogavi. In quel momento lì sono entrato in una crisi molto più profonda. Allora sono diventato un po’ scettico, distaccato dagli altri che facevano il dialogo.

Il motivo per cui ho lasciato l’India nel 1989 non è stato quello. ma il fatto che la motivazione per cui ero venuto in India nel 1964 non mi sembrava più inlinea con la mia vocazione missionaria. Ero venuto per conoscere i testi sacri dell’India e parlare con i “pandit”, i saggi dell’India. Lavoravo per il maharaja che finanziava e organizzava le ricerche sui testi sacri dell’India; io conoscevo e studiavo i Purana, ma ormai era diventato un lavoro puramente tecnico. Poi il maharaja mi ha incaricato di fare ricerche nei testi antichi per vedere se è vero che gli indiani hanno scoperto il gioco degli scacchi, come si dice. E portare delle prove per questo. Allora mi sono detto: questo è un lavoro di ricerca storica che non c’entra nulla con l’induismo e la mia vocazione missionaria e sono tornato in Italia”.

Ho chiesto a padre Bonazzoli qual è la conclusione dei suoi 25 anni di esperienza in India e nell’induismo. Ecco la sua risposta:

“In India dicono che tutte le religioni sono vie che portano a Dio, ma in India dicono anche: quello che tu cristiano hai l’abbiamo anche noi, perché Cristo fa già parte dell’induismo. Ebraismo, cristianesimo e islam,le religioni del libro e del monoteismo hanno la teoria dell’esclusione: o sei cristiano o sei pagano e devi convertirti a Cristo e farti battezzare, altrimenti va all’inferno; l’islam usa la violenza: o ti fai musulmano o ti ammazziamo. L’induismo ha inventato la teoria dell’inclusione, dell’inglobazione: quello che hai tu io ce l’ho già anch’io. Loro dicono che la religione primordiale è l’induismo (e infatti storicamente è la prima grande religione organizzata dall’umanità). Nell’induismo ci sono già tutte le derivazioni venute in seguito. Cristo c’è nell’induismo, dobbiamo riscoprirlo.

Mi pare di capire che il dialogo fra le religioni deve servire a far sparire la paura dell’altro. Tutti hanno paura del diverso e si cerca di neutralizzarlo, i musulmani obbligandolo a convertirsi all’islam, i cristiani dimostrando col dialogo che solo il cristianesimo è la vera religione, gli indù inglobando tutti nella loro storia e sopravvivenza millenaria. Quando sono poi andato in Papua Nuova Guinea ho aggiunto il fatto che i papuani, i melanesiani vedono, nel nostro desiderio di inculturarci nella loro lingua e cultura, la via per liberarsi dal colonialismo culturale, esaltando la loro cultura e le loro credenze spirituali e riti culturali.

Della mia esperienza in India sono contento, ma non c’è una conclusione. Il dialogo continua e continuerà fino alla fine del mondo, suppongo. Io ho dato il mio contributo e la mia esperienza era giunta al capolinea. Potevo scambiare le idee e discutere con i pandit indù (i saggi) e anche con il maharaja c’era un buon rapporto, ma più in là non riuscivo ad andare. Avevo visto, parlato e scritto, non c’era un altro sbocco. E poi anche il lavoro che facevo per il maharaja era sempre più orientato verso ricerche filologiche, linguistiche del sanscrito che non mi interessavano.

Nel frattempo mi è giunto da Milano l’invito dell’Università cattolica di insegnare il sanscrito e prendere il posto della prof.sa Giuseppina Borsani Scalabrino, che mi indicava come suo successore. Ho visto in questo un altro modo per continuare nella mia linea, cioè portare nella cultura universitaria la cultura e la sensibilità indù. Ma poi ho visto che questo non era possibile perché gli studenti che venivano ai corsi non erano interessati ad approfondire la religione, ma venivano solo per il sanscrito come lingua, per un motivo linguistico.

In conclusione, la mia permanenza in India non è stata né un fallimento né una gloria. Ho semplicemente fatto un’esperienza di dialogo con i rappresentanti dell’induismo, poi ho lasciato perché quel tentativo era finito, se continuavo non ero più nella linea della mia vocazione missionaria. Adesso il dialogo con l’induismo continua con altri, realizzato dalla Chiesa indiana”.

II° parte – La Papua Nuova Guinea paese cristiano

Nel 1993 padre Giorgio Bonazzoli è andato in Papua Nuova Guinea per insegnare nel seminario di Rabaul dove ancor oggi vive e lavora. Ma prima di chiedergli quali sono i problemi che incontra nella formazione dei nuovi sacerdoti, debbo brevemente presentare questo lontano paese dell’Oceania, diventato indipendente dall’Australia nel 1975. E qual è a situazione della Chiesa cattolica e in genere dei cristiani.

Un paese che cresce ma non produce

La Papua Nuova Guinea è estesa una volta e mezzo la nostra Italia, ma ha solo sei milioni e mezzo di abitanti, divisi in circa 800 tribù e lingue diverse, ma con due lingue nazionali che sono l’inglese (parlato però solo dalla minoranza che ha studiato) e poi il “pidgin english”, la lingua popolare molto più diffusa che è nata dai dialetti locali e dall’inglese. Gli abitanti della PNG si dividono in due grandi etnie, quella papua nel Sud della grande isola di Papua e quella melanesiana nelle regioni del Nord e nelleisole minori ad est, la Nuova Bretagna, la Nuova Irlanda, Bougainville, ecc.

La Papua Nuova Guinea è ormai l’ultima regione del globo che deve ancora essere del tutto esplorata. L’enciclopedia inglese la definiva “the last Unknown”, l’ultimo sconosciuto del globo terrestre. Ci sono stato nel 1980 e nella capitale Port Moresby all’Istituto geografico australiano ho comperato una grande carta geografica del paese. Questa carta molto grande è stata disegnata sulla base di un rilevamento fotografico aereo dell’intero paese fatto dall’aeronautica australiana. Ebbene, in varie regioni, la carta porta dei buchi bianchi e in calce c’è questa nota: “Quando abbiamo fatto questo rilevamento aereo della regione c’erano le nubi”. In altre parole, nessuno sa cosa c’è sotto e nessuno è andato a vedere.

Sono passati 35 anni e la Papua Nuova Guinea, indipendente dall’Australia nel 1975, ha fatto importanti passi in avanti in campo educativo, economico e politico ed anche ecclesiale, ma si può anche dire che è rimasta quella del 1980 che ho visitato. Sono due affermazioni che sembrano contraddittorie, ma sono ambedue vere.

Chiedo a padre Bonazzoli che giudizio dà del cammino della PNG verso il mondo moderno e lo sviluppo: Dice: “Si può dire che la PNG in generale va avanti. La gente è diventata più ricca, c’è un movimento verso le città e il governo riesce a poco a poco a portare ad esempio la luce elettrica nei villaggi, le strade, le scuole. La tecnica moderna permette di compiere dei balzi di migliaia di anni in poco tempo. Con i satelliti, dove c’è la luce elettrica o un generatore che ti dà energia, sei in contatto col mondo, radio, televisione, telefono, fax, computer, internet. La gente cresce anche come scuole, istruzione. Esempio. Quando sono arrivato a Rabaul nel 1993 il nostro seminario minore era l’unica high school nella nostra area geografica. Parecchi venivano con la raccomandazione del parroco ma poi uscivano. Venivano solo per studiare. Adesso ci sono otto high school, tutte piene di studenti. Ormai la necessità di andare a scuola la capiscono tutte le famiglie.

“C’è una crescita dell’economia, continua padre Giorgio – basata sull’esportazione delle ricchezze naturali. Ma c’è un pericolo: i giovani e le ragazze che studiano, non avranno un lavoro e diventeranno una bomba a orologeria, pronta a scoppiare. Lo stato non può dare lavoro a tutti e tornare al lavoro dei campi o ad altri lavori manuali sarà difficile. Giovani disoccupati che hanno studiato sono fonte di fastidi per la società. Manca in questo popolo l’imprenditorialità, il gusto del rischio. La PNG non produce ricchezze, importa tutto, dalle lampadine ai chiodi e alle biciclette. Il nostro popolo non è attivo come i cinesi e gli indiani, anche perché vive in una economia di sussistenza, la foresta e il mare danno tutto quanto è necessario ad una vita povera ma serena. Però ci sono alcune fabbriche che imbottigliano, ad esempio, la Coca Cola. C’è l’artigianato del legno, la produzione di statuette o altri oggetti turistici”.

Padre Bonazzoli racconta: “Il nostro mare è pescosissimo e l’abbiamo a pochi metri da casa. I pescatori vanno in mare con barchette, pescano un po’ di pesce per la famiglia e per venderlo al mercato. Da molti anni vengono le navi giapponesi, pescano il nostro pesce, lo mettono in scatola e ce lo vendono. Parlo soprattutto delle città, ma anche nei villaggi noi mangiamo il nostro pesce, ma pescato e inscatolato dai giapponesi. Nessuno pensa di organizzare una pesca in grande e inscatolare il pesce qui da noi. Così il legno. Ci sono foreste vergini immense. Vengono malesi, indonesiani, giapponesi, cinesi e tagliano, tagliano chilometri quadrati di foresta e pagano una tassa al governo. Non potrebbe essere quello un lavoro per i locali? Basterebbe comperare le macchine e poi creare un’industria del legno. Niente. La gente locale non ha questo stimolo.

Così le miniere. Abbiamo oro, tanto oro, la PNG è il quinto o sesto produttore di oro nel mondo! Hanno scoperto petrolio e gas naturale. Uno dei più grandi giacimenti di petrolio e di gas è in PNG, tutto è sfruttato da stranieri. Insomma, viviamo sulle esportazioni di materie prime. E’ vero che gli stranieri pagano le tasse allo stato, ma fra un po’ di anni quando le materie prime si esauriranno non si sta preparando la produzione locale di ricchezza. Il governo e le missioni fanno qualche scuola professionale, ma per cambiare una mentalità culturale ci vogliono decenni. La PNG importa tutto, tutto. Se non arrivassero più le navi che portano il cibo, noi delle città saremmo alla fame. Alla fame no, perché un po’ di banane e di patate le trovi comunque. La PNG non ha un futuro glorioso. Fanno piccolo commercio, lavorano negli uffici, ma non producono ricchezza”.

Però vogliono i soldi, ormai l’idolo sono i soldi, quindi c’è anche una grande corruzione. Le aziende sono tutte di stranieri e a nome di stranieri. Io guardo tutte le scatole del cibo che arriva e viene tutto dall’estero. Ci sono molte contraddizioni. Chi lavora per una ditta straniera, miniere o commerci o altro, riceve uno stipendio 3-4 volte superiore a chi lavora per lo stato come gli insegnanti. Quindi c’è una fuga di insegnanti verso le ditte straniere che lavorano in PNG, anche per esempio nelle miniere, vicino alle quali creano villaggi e ci vogliono medici, infermiere, insegnanti”.

In sintesi si può dire che la PNG è un paese giovane, i cui popoli, un secolo fa o anche meno, vivevano nella preistoria, cioè senza scrittura e senza stato, divise in molte tribù spesso in lotta fra di loro. La colonizzazione è iniziata un secolo fa ed ha avviato questi popoli verso il mondo moderno, ma ancor oggi faticano ad entrare nel mercato globalizzato, cioè a produrre ricchezze, e vivono sulla vendita di materie prime. Una situazione molto simile a quella di tanti paesi dell’Africa nera, sia pure con molte differenze. Ad esempio, la PNG non ha avuto né guerre tribali né colpi di stato, anzi c’è libertà di stampa e di opposizione ai governi, eletti democraticamente, anche se ogni volta si parla di brogli elettorali. Quindi il paese ha buone prospettive di svilupparsi.

La PNG è un paese cristiano

La Costituzione, approvata nel 1976, un anno dopo l’indipendenza, dice: “La P.N.G. è una nazione cristiana”. Si calcola che i protestanti delle varie Chiese e sette sono circa il 50% dei 5,5 milioni di abitanti, i cattolici il 30-35%, il resto sono ancora animisti. L’islam è poco presente, ma sta entrando anche per immigrazione dalla vicina Indonesia.

La Chiesa cattolica è entrata in PNG alla metà del 1800 con i missionari francesi Maristi, che poi hanno avuto due martiri. A loro sono successi i missionari italiani del Pime per soli tre anni (1852-1855). Anche loro si sono ritirati per l’impossibilità di predicare Cristo a popoli che vivevano nell’età della pietra (non conoscevano il ferro!) e dopo la morte di uno dei sette missionari e il martirio del Beato padre Giovanni Mazzuconi nel settembre 1855 nell’isola di Woodlark.

Oggi la Papua Nuova Guinea ha 19 diocesi, in buona maggioranza ancora rette da vescovi stranieri. Però il popolo cristiano fornisce ai seminari e ai noviziati un buon numero di giovani e ragazze che vogliono consacrarsi a Dio. E’una Chiesa giovane che dà speranza, ma che necessita ancora di missionari e suora dall’esterno.

Un buon segno è il fatto che continuano le conversioni dall’animismo al cristianesimo. Anche nell’isola della Nuova Britannia, nella cui capitale Rabaul vive padre Bonazzoli, ci sono ancora tribù di religione tradizionale “animista” (credono negli spiriti) che, entrando nel mondo moderno, tendono a diventare cristiane.

“Le parrocchie hanno il catecumenato per preparare gli adulti al battesimo – dice padre Giorgio – e ogni settimana o 15 giorni abbiamo qualche battesimo di bambini, ma anche di adulti pagani. La Chiesa deve affrontare due problemi – dice padre Bonazzoli – La formazione del popolo di Dio che ha una fede ancor troppo superficiale e poi l’adattamento o inculturazione della vita cristiana ai costumi e culture locali”.

La fede cristiana è entrata in Papua Nuova Guinea con i missionari delle Chiese protestanti durante la colonizzazione inglese al sud e tedesca al nord e sulle montagne centrali. Oggi il popolo è cristiano. “La fede c’è – dice padre Bonazzoli – sono onesti e buoni, ma sono estremamente superficiali nella conoscenza dei misteri cristiani e nella pratica della vita cristiana. Dicono volentieri di essere cristiani, perché la fede cambia poco delle loro tradizioni e dei loro costumi. La fede è certamente forte, credono e amano Cristo, ma fanno un miscuglio tra gli spiriti e Gesù Cristo. Anche i nostri preti e seminaristi, credono in Gesù Cristo, lo pregano, sono sinceri. Ma poi credono anche negli spiriti. Anzi dello spirito malvagio hanno paura, per cui sono più sottomessi, Gesù Cristo non fa paura.

“Un esempio. La superiora generale delle suore locali è andata dal vescovo tedesco di Rabaul ha raccomandargli di non andare in certi posti o di non fare certi gesti, perché altrimenti gli spiriti si arrabbiano e lo puniscono. Ci sono degli amuleti che portano perché danno energia. Le suore di un certo convento di Rabaul hanno una statua che a toccarla dà energia. Come e perché non lo sanno, ma ci credono.

Poi sono preti e suore buoni, pregano, vengono in chiesa, sono devoti. Sono le prime generazioni di cristiani, il Signore li capisce molto meglio di noi.

“Un altro esempio, dice ancora padre Giorgio. Un prete parte e va dai suoi parenti alcuni giorni a fare le loro feste per tener buoni gli spiriti, e poi torna in parrocchia e fa il prete in modo sincero. Cosa vuol dire? Che in molti c’è una coabitazione pacifica tra religione antica e moderna, che in genere i cristiani vivono in pace e serenità nella fedeltà a Dio e a Cristo e nel culto dei loro spiriti tradizionali. Anche persone ben formate e da cui non ti aspetteresti questo, li vedi che poi, sotto sotto, negli spiriti ci credono ancora.

Nella vita cristiana c’è grande fervore e grande rilassamento, non seguono le norme, vanno secondo l’istinto. A volte fanno cose incredibili. Hanno fatto un mese di adorazione eucaristica tutte le sere, poi hanno smesso. E’ un fervore momentaneo. Lo stesso è capitato per il movimento ecumenico. Era una novità e all’inizio grandi incontri, fervore, preghiere. Poi, tutto finito. Al quarto incontro non c’era più nessuno. Se tu fai festa tutte le domeniche, la chiesa di riempie sempre”.

La fede intesa come festa e gioia

C’è molto interesse per la religione, ma non è un interesse profondo. Sono attratti dalla festa, dalla danza. La religione è sentita come una gioia, una festa, un trovarsi assieme e stare allegri. Questo entusiasmo è un valore positivo. Per far venire due-tremila persone nella nuova cattedrale non è difficile. Basta dire che c’è la Messa della festa, con canti, danze e discorsi. Allora vengono in massa. E stanno assieme tutta la giornata. Se si mangia anche assieme, nei cortili della chiesa, allora è il massimo. Nel pomeriggio ogni tribù fa la sua danza. una varietà enorme di folclore e di lingue, che è uno spettacolo ed esprime la gioia del popolo ed anche la voglia di ciascun gruppo di dare il proprio contributo e ci tengono moltissimo, fino al punto di degenerare, magari con una certa competizione: noi siamo i più bravi…. Sono ottimi predicatori, ottimi cantanti e danzatori e hanno molta fantasia. Ad esempio, tempo fa si facevano i “Vangeli dialogati”: dopo la lettura del Vangelo, lo raccontavano di nuovo drammatizzandolo. Vogliono raccontare loro il Vangelo, dire qualcosa di loro. Questo è bello, ma entro certi limiti, se li lasci parlare, non finiscono più.

Hanno una particolare attrazione all’Eucarestia. Pensare che Gesù che pregano e adorano è là in quell’ostia e in quel vino li esalta, li entusiasma. Per l’anno sacerdotale la cattedrale ha fatto un’ora di adorazione al giorno per pregare per i sacerdoti e la gente all’inizio è venuta. Io pensavo: “Non durerà, perché il melanesiano non ha costanza”. Mi sbagliavo, per il mese fissato è sempre venuta, hanno sempre riempito la Chiesa. C’è anche attrazione alla Croce, ma meno che per l’Eucarestia. E poi c’è una grande curiosità nelle cose religiose, è una curiosità superficiale, ma c’è. Tu fai una predica e sei sicuro che per l0-20 minuti sono tutti attenti, gli occhi fissi, nessuno si muove, stanno attenti.

C’è un gran rispetto e attenzione ai preti stranieri, ma noi siamo ormai pochi e i posti sono occupati dai preti locali, com’è giusto. Ma loro vorrebbero avere un prete straniero, perchè sa tante cose. Il locale è uno di loro, quindi sa quel che sappiamo noi. Lo straniero vale, il locale no. Così nella parrocchia tutto funziona finche c’è il prete straniero, quando viene il prete locale tutto si rilassa, si sfascia.

Secondo me il cristianesimo non è ancora radicato. Fanno belle cose, hanno entusiasmo nella fede e nella Chiesa, ma non c’è ancora una convinzione profonda. Questo si rivela nelle molte Madonne che ci sono in giro, che nascono da ogni parte. Si sente parlare di un’apparizione o di un miracolo e tutti accorrono. Tre anni fa il sangue usciva da un Crocifisso di legno in un villaggio, così si diceva. Migliaia di persone correvano a vedere, a pregare. Il vescovo era preoccupato, non era ben chiaro cosa succedeva. Ha proibito al prete di dire Messa e il prete naturalmente l’ha celebrata. E poi diceva: “Cosa ho fatto di male? Ho celebrato la Messa per i pellegrini”. “Sì, ma tu hai disobbedito al vescovo”. Allora sorride, come a dire: ma il vescovo là non c’era, c’ero io…. Per fortuna il sangue ha smesso di scorrere da quel Crocifisso e tutto è caduto nel nulla.

Nel 2012 ci saranno le elezioni generali e non pochi preti si sono messi – questa come altre volte – in politica e nelle liste per essere eletti in Parlamento. Sono stati minacciati di scomunica dai vescovi, ma loro vanno avanti.

Ci sono anche brave persone, ottime suore e preti, però moralmente siamo ancora ben lontani da una vita cristiana autentica. Recentemente una cara ragazza di Alotau, suora qui a Rabaul, non l’ho più vista e ho chiesto dov’era andata. Mi hanno risposto: “Si è fatta mettere incinta e ha avuto un figlio”, col tono di dire: è normale, naturale. Infatti là queste cose non suscitano stupore. Da noi farebbe scandalo, là è considerato normale, naturale, anche se sanno che non dovrebbero farlo. Un prete che fa un figlio o si ubriaca non stupisce. Anche questo è un segno che la mentalità cristiana è ancora lontana, anche se si sta formando. I costumi e la cultura non si cambiano in pochi decenni di cristianesimo!”.

III° parte – La formazione dei preti locali in P.N.G.

Nel mondo missionario, dove la Chiesa sta compiendo i primi passi, il problema prioritario è la formazione del clero locale. I vescovi chiedono ancora missionari stranieri, ma il futuro di quelle comunità cristiane dipende soprattutto dai loro vescovi e sacerdoti. Dal 1993 padre Giorgio Bonazzoli vive nel seminario maggiore di Rabaul, uno dei due seminari maggiori della P.N.G., oltre a quello della capitale Port Moresby. Sulla formazione dei nuovi preti dice cose esemplari per molti altri paesi delle giovani Chiese. Ecco la sua testimonianza di insegnante e formatore.

La formazione del ragazzo diversa dalla nostra

“Il seminario maggiore inter-diocesano di Rabaul è iniziato quando sono arrivato io nel febbraio 1993. C’era già il seminario nazionale di Bomana, nella capitale Port Moresby , ma l’arcivescovo riteneva che la disciplina fosse molto rilassata. All’inizio siamo riusciti a tenere una certa disciplina, adesso siamo più o meno come a Bomana. Dipende dalle persone dei formatori. Ad esempio, il rettore dice che non bisogna masticare la noce “buar” che usano anche in India e fa venire la bocca tutta rossa. E’ una specie di droga che diventa un’abitudine per molte persone. Sputi saliva rossa, i denti si arrossano, ecc. Ma il rettore che proibisce questo comincia al mattino quando si alza a masticare questa noce e finisce alla sera quando va a letto.

Lo stesso succede per il fumo o per l’alcool. I formatori non danno buon esempio. L’alcool è proibito e c’è una regola che se uno è trovato ubriaco viene mandato a casa. Ma qualche anno fa c’era un vice rettore che portava lui la birra in seminario e alla sera erano là tutti a bere. C’è molta libertà e fa parte della loro natura. Sono fatti che in Italia avrebbero ben altra gravità.

“Il seminario in cui insegno comprende due anni di filosofia e quattro di teologia ed ha più di 100 alunni per sei diocesi. Prima di entrare in seminario i giovani fanno un anno o due di spiritualità e alla fine un anno di pastorale in una parrocchia, prima del diaconato e del sacerdozio. Io insegno dogmatica a circa 30 studenti, ho 12-15 ore di insegnamento alla settimana, a volte anche 18. Parlo inglese e poi lascio le dispense, ma gli studenti l’inglese lo capiscono e parlano fino ad un certo punto, quindi debbo stare attento a non usare parole difficili. Anche le parole più semplici a volte non le sanno o le sanno pressappoco. Ma nelle verità della fede non basta il pressappoco.

E poi manca la cultura di base per capire la storia della salvezza. A volte saltano fuori quasi delle eresie, formali non reali. Ad esempio una volte ho chiesto ad un alunno: “Chi ha liberato gli ebrei dall’Egitto?”. Risposta sicura: “Gesù!”. Tre volte ha risposto così, era sicuro di essere nel giusto. Gli chiedo: “Ma Gesù è venuto prima o dopo Mosè e gli ebrei in Egitto?”. Non capiva la domanda, non rispondeva, forse non capiva il valore del tempo, del prima o dopo. Questi sono casi estremi, ma per dire com’è difficile trasmettere le verità della fede”.

“La formazione del ragazzo in Papua Nuova Guinea – dice padre Giorgio – è molto diversa dalla nostra. A 4-5 anni bambini e bambine vanno fuori di casa e vivono nella “House Boy”, la casa del ragazzo, o in quella delle ragazze. Non sono educati dai genitori, ma si formano vivendo con altri della loro età, per imparare a cavarsela da soli. Qui da noi c’è la famiglia allargata, non solo papà e mamma, ma nonni, zie, zii, cugini, fratelli, sorelle. Tutti si prendono cura del ragazzo, ma in pratica deve decidere da solo. Vengono fuori personalità fortissime, però individualiste al massimo. Se falliscono questa loro affermazione, diventano timidi e paurosi e sono condannati a fare una vita di dipendenza da altri. E’ una società nella quale fin da piccoli vincono i più forti e gli altri sono perdenti e si rassegnano.

I genitori vogliono bene ai loro figli, ma secondo la mentalità comune ciascuno pensa a se stesso. Se il bambino o il ragazzo dà fastidio, lo puniscono in modo anche violento, lo picchiano, gli danno pugni o calci. Un genitore forte che si arrabbia, può fare anche veramente male o danneggiarlo gravemente. Recentemente il governo ha pubblicato una norma ben chiara che proibisce ai genitori di punire fisicamente il minorenne, il quale può anche denunziarli se usano violenze contro di lui. Così, vivendo da solo, il ragazzino fa quel che vuole, nessuno lo corregge. Se resiste diventa una personalità forte, altrimenti rimane un debole che poi è oppresso dalla società. I ragazzi crescono con le loro idee, le loro reazioni, le loro abitudini, ciascuno secondo il suo carattere. Anche le ragazze crescono allo stesso modo. Interessa la propria persona, l’altro non interessa, può farti del male, non è visto come sostegno, come persona sulla quale puoi contare. Sono personalità individualiste, che riferiscono tutto a se stessi. Quando poi vanno a scuola, sperimentano la comunità, lo stare assieme, il senso del bene comune. Ma in personalità forti e individualiste, tutto viene ancora riferito a se stesso, l’altro può sempre essere il nemico da cui difenderti”.

A volte si legge, anche nei testi di etnologi, che i popoli, diciamo “primitivi”, hanno un forte senso comunitario. Chiedo a padre Giorgio se è vero o no.

Certamente hanno il senso comunitario – dice Giorgio – ma in modo diverso dal nostro: sanno che questo è mio padre, questo mio zio, quella mia cugina, l’altra mia sorella; e sanno come comportarsi con quelli che fanno parte del clan, della grande famiglia: si fanno le feste comuni, si danza assieme, sanno che hanno tradizioni comuni, come salutare i vari familiari e cose di questo genere. Ma chi non fa parte della grande famiglia non esiste, non interessa, dagli altri debbo difendermi. Anche questo fa parte del vivere insieme, certo, ma non ha niente a che fare col nostro modo di intendere la socialità che si estende a tutti, non solo ad una ristretta cerchia di consanguinei. Prevale sempre l’individualismo dei singoli.

Manca il senso del bene comune

Quando i giovani formati in questo modo arrivano in teologia, questa mentalità di fondo rimane ben forte. Uno arriva in ritardo alle lezioni, tu lo rimproveri e lui sta a sentirti, per una volta o due arriva a tempo, poi ricomincia ad arrivare tardi. Se lo rimproveri ti dice di sì perché teme di essere punito, ma poi fa quel che vuole. Io sono straniero e loro, se parlano, dicono: “Questa è la mia cultura” e chiudono il discorso. In qualunque cosa io li richiami, essi dicono: “E’ la mia cultura”. La cultura è diventata la leva, il pretesto per fare ciò che uno vuole.

“Questo tipo di mentalità risulta poi anche nella vita sociale. C’era il proprietario di un terreno sul quale doveva passare la strada e la pista dell’aeroporto. Le autorità hanno chiesto di comperarlo a prezzo di mercato, lui assolutamente non ha voluto venderlo, era il terreno dei suoi padri e non poteva venderlo. Anche questa tendenza a non voler non cambiare nulla, che frena così tanto lo sviluppo della nazione, da dove viene se non da questa mentalità individualista in cui l’individuo prevale sempre? Manca il senso dello stato e del bene comune.

“Quando dico queste cose ai miei seminaristi, loro mi ascoltano ma poi non dicono niente, forse pensano: “Lui è straniero e non capisce la nostra cultura”. Tutto questo lo dico per far capire quanto è difficile la formazione di un prete! I nostri seminaristi hanno questa mentalità: a loro interessa la propria grande famiglia, il clan, gli spiriti. In questa mentalità ci sono cose valide, ma tante altre che sono da abolire.

“Con questo tipo di cultura è già difficile formare un buon cristiano. Poi ci sono anche i buoni cristiani, convinti. Ma spesso sono buoni e fervorosi fin che c’è la spinta del prete, i buoni esempi attorno e loro, cioè fin che hanno benzina nel motore. Quando cambia la situazione, quando finisce la spinta esterna, la macchina si ferma. Sono brava gente, ma non hanno assimilato i valori cristiani, nel profondo rimangono più o meno quelli di prima. Nelle missioni tu puoi avere dei cristiani che vengono a Messa, si confessano, pregano, sono devoti e fedeli alla Chiesa e questo per mesi o anche per anni. Poi magari vengono molto di meno o non vengono più. Perché? Sono ridiventati pagani? No, rimangono cristiani, ma non vengono più per motivazioni esterne: ad esempio, il nuovo prete è meno simpatico dell’altro.

Abbiamo anche anime belle e sante, fra i catechisti e i preti e anche fra i cristiani. Ma sono troppo poche. Mi sono sempre chiesto perché, ma questo lo sa lo Spirito Santo. A me pare che non abbiano assimilato la vita cristiana che parte dal cuore, dall’amore a Cristo, a Dio. In pochi decenni non è possibile passare da una tradizione e cultura e mentalità comune pagana ad una cristiana autentica. Lo Spirito Santo può fare anche questo, ma sono casi singoli, esemplari, non comuni.

“Quando parlo ai giovani di vari argomenti, sono curiosi e se dici cose nuove e interessanti, allora c’è qualche attenzione. Ma se dici che vuoi parlare della loro cultura, allora vedi subito che tutti stanno attenti, ti guardano, ti seguono, non pensano ad altro. Interessa solo quel che li riguarda ed è frutto dell’educazione ricevuta in famiglia, come dicevo prima. Se parlo di altri temi che non li riguardano direttamente allora non ti seguono più. E’ proprio una mentalità diversa dalla nostra. Loro usano il computer, il telefonino, vedono la televisione, ma la mentalità di fondo non cambia. In questa situazione è molto difficile formare dei preti solidi”.

Questa è una sfida per noi educatori e per l’autorità ecclesiastica, continua padre Bonazzoli. Hanno la capacità di diventare preti, con sincerità e fervore, ma, ad esempio, il sacerdote è visto come il capo, colui che comanda e dispone. Quindi deve essere furbo, fare i suoi interessi. Forse non è il motivo principale per cui si fanno preti, ma certamente il secondo motivo: tu diventi capo, quindi avrai molte cose a disposizione e questo servirà ai tuoi parenti al tuo clan, al tuo villaggio. E’ una mentalità che è considerata naturale, giusta. Quando diventano preti o professori entrano nella parte di chi comanda e si fa servire. Prima loro hanno servito chi era a capo, adesso che sei tu il capo e devi farti servire. Non lo fanno per egoismo o superbia, ma perché debbono entrare nella loro parte.

“Allora, in questa mentalità generale, insegnare che essere capo nella Chiesa vuol dire servire gli altri, che Gesù ha lavato i piedi agli Apostoli, questo lo capiscono e ti dicono di sì. Ma la loro visione del prete rimane quella di prima: in questo grado di maturazione non può essere diversa, perchè tutti si aspettano questo.

“Col missionario straniero e l’aiuto dei locali molte cose funzionavano bene. Quando l’autorità passa ad un locale, nel giro di sei mesi circa finisce di funzionare. Un piccolo esempio. La torre campanaria della cattedrale ha un grande orologio, al quale bisogna mettere l’olio nuovo ogni sei mesi e curare la manutenzione ogni 15-20 giorni. Funzionava bene fin che c’è stato il fratello tedesco degli MSC (Missionari del Sacro Cuore), che ha insegnato come si fa ai locali e poi ha passato tutto a loro. In tre mesi l’orologio si è fermato. L’orologio c’è ancora, ma non funziona più.

Prima i preti si incontravano una volta al mese per una giornata di preghiera, di discussione e di decisioni sulla diocesi e la pastorale. Prima c’era il decano che era un tedesco e le riunioni funzionavano, c’era un programma, si prendevano decisioni e poi il decano richiamava chi non le osservava. Adesso il decano è un prete locale, le riunioni non si fanno più oppure si fanno ma si chiacchiera tutto il giorno, oppure si decide qualcosa ma pochi o nessuno fa quel che si è deciso. Ognuno fa quel che vuole. La struttura rimane ma è vuota, non serve più.

Cosa possiamo imparare dalle giovani Chiese?

Ci sono anche gli esempi positivi – continua padre Bonazzoli. – Per esempio un bravo prete di parrocchia, fra i migliori della diocesi, che lavora bene e il vescovo manda da lui quelli che si preparano al diaconato e poi al sacerdozio, facendo sei mesi o un anno di pastorale in una parrocchia. Ci sono altri due preti, uno è stato professore di morale l’altro era mio alunno, che hanno organizzato dei rally per la Madonna, vanno in giro a fare preghiere, predicazioni, confessioni e sono dedicati a questo apostolato. La diocesi ha diverse attività e ormai le fanno quasi tutte loro. Lo Spirito Santo poi fa il resto. La fede c’è, Cristo lo conoscono e lo amano, il resto è frutto di una maturazione delle idee e dei costumi cristiani”.

Chiedo a padre Giorgio a che punto è il lavoro di inculturazione del messaggio e della vita cristiana. Risponde: “Io per il momento non parlo più di inculturazione e di culture, dico semplicemente: dobbiamo tutti convertirci a Cristo. Per diventare cristiano tu non devi diventare occidentale, ma devi diventare Cristo. Rimani papuano o melanesiano, ma devi amare e imitare Cristo perché è Lui che ti salva, non io. E’ Cristo che entrando in te ti purifica dal tuo peccato.

“I teologi hanno inventato tanti termini: adattamento, contestualizzazione, inculturazione, incarnazione, interculturalità, integrazione, ecc. Questi diversi termini significano che non abbiamo ancora trovato il centro, il fuoco del problema, ma è la Chiesa che traccia la via. Ci sono poi quelli che vanno all’estremo opposto e non riconoscono alcun valore alle culture e religioni. Sbagliano perché la Chiesa ha riconosciuto i valori delle religioni e culture non cristiane”.

In Italia spesso diciamo che dobbiamo imparare molto dalle giovani Chiese. E’ un discorso che fa anche la CEI, ad esempio al Convegno ecclesiale nazionale di Verona (ottobre 2006) e nell’Assemblea nazionale dei vescovi italiani in Vaticano (maggio 2007), alla quale ho partecipato anch’io come “esperto” . Tu cosa ne dici? E’ vero o non è vero? Padre Giorgio risponde:

Voi in Occidente e in Italia vedete o mettete in risalto solo la facciata delle giovani Chiese, non tutta la realtà. La facciata ha un valore, ma non è tutto. Bisogna stare fra di loro e lasciarli agire spontaneamente senza criticarli e allora vedi cosa fanno. Io non li condanno, solo Dio può giudicare tutti noi, ma questa che ho tentato di descrivere è la realtà dei fatti. La Chiesa in P.N.G. è proprio all’inizio del suo cammino di fede in Cristo.

Cosa possiamo imparare? Credo il forte senso della presenza di Dio nella vita dell’uomo, che è un valore presente in tutti i popoli non ancora toccati dalla secolarizzazione. E poi, ad essere semplici nell’amare Gesù. Noi siamo troppo complicati, andiamo dietro a tante elucubrazioni e perdiamo di vista che il problema fondamentale della vita cristiana è di innamorarci di Gesù. Loro questo lo sentono fortemente e lo fanno con semplicità. Magari sbagliano, vanno dietro agli spiriti pensando di andare a Gesù, ma lo fanno con cuore sincero, disposti ad imparare, a migliorare la loro conoscenza e il loro amore al Signore. Noi dobbiamo ricuperare questa semplicità ed essenzialità della fede che diventa amore, donazione della vita.

“Il secondo insegnamento che ci danno è che il cristianesimo, la fede in Cristo sono motivo di festa, di celebrazione, di gioia della vita. Amano le celebrazioni e le feste. Sono poveri e con un tenore di vita veramente misero, ma la fede mette in loro questo senso che Gesù va festeggiato. A volte esagerano, sbandano, vanno fuori strada nella festa. Ma la motivazione di fondo è bella: lo stupore gioioso di aver incontrato Cristo.

“Interessante anche notare che la natura di questo popolo è la mancanza di costanza, cioè l’imprevedibilità del loro cammino. Ma se riescono a congiungere fede cristiana con la festa, allora rimangono buoni cristiani, sono più costanti nella fede.

Non è necessario che diventino un modello per noi. Il modello è Cristo. Però il vedere che esistono popoli più ignoranti di noi nei misteri cristiani, più sbandati di noi nella vita morale, hanno questo desiderio di celebrare Dio, di provare gioia nella festa e nella celebrazione cristiana, ci indica che dobbiamo anche noi ricuperare il gioioso stupore dell’accogliere Cristo, con l’innocenza della loro semplicità.

“Nella Chiesa locale della Papua Nuova Guinea, ci sono molte cose positive e altrettante negative, com’è ovunque nel mondo. Loro partono da Cristo e questo è già fondamentale perché se non ci fosse, tutto il resto non varrebbe niente. Non dimentichiamo che noi cristiani e Chiese d’Europa, dopo duemila anni siamo ancora al punto in cui troviamo in Italia! Adesso loro stanno incominciando la vita cristiana, come negli Atti degli Apostoli.

Per concludere, posso assicurare, in base alla mia esperienza in un paese di autentica missione alle genti, che fare il missionario è bello, è una sfida continua, ma soprattutto perché hai la consolazione di veder sbocciare e crescere il cristianesimo, la mentalità e la vita cristiana. E tocchi con mano che la conversione a Cristo eleva umanamente e anche socialmente il popolo al quale trasmetti la tua esperienza e vita cristiana. Questo ti porta ogni giorno a ringraziare il Signore per il dono della fede e della vocazione sacerdotale e missionaria”.

Padre Gheddo su Radio Maria (2011)

SOSTIENI INIZIATIVE MISSIONARIE! con il tuo 5 per 1000 è semplice ed utilissimo. Sul tuo 730, modello Unico, scrivi 97610280014

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*