“Fare felici gli infelici” – libro di Padre Gheddo (2014)

“Nella casa del missionario ci vive il regno animale e il regno vegetale, scarseggia il regno minerale, come il platino, l’oro, l’argento. C’è però una perla. Ci credete? La perla sono io”. Così si presentava il Beato Clemente in un articolo pubblicato negli anni venti del Novecento, quando viveva a Monglin in un capannone di fango e paglia, abitato da legioni di insetti, lucertole, granchi, topi e l’erba cresceva nel pavimento di terra battuta, persino sotto la sua branda militare. Ecco, questo libro tenta di penetrare nella personalità di un tipo così originale; e nella sua “spiritualità”, anche questa originale e quasi all’opposto di come altri santi vivevano il cammino verso l’unico modello, il Signore Gesù Cristo. La Chiesa ha proclamato Beato Clemente Vismara, ma com’era possibile quando sia nel seminario diocesano di Milano, che in quello teologico del Pime, i superiori volevano mandarlo via perché era “indisciplinato” e “non adatto ai sacrifici di un sacerdote”? Quando poi aveva 86 anni, padre Clemente diceva: “E pensare che nella mia vita missionario ho fatto tanti sacrifici che bastano per una decina di preti”. Il messaggio di Clemente è questo: 2210-1-height-500“La vita missionaria è bella, solo se la si dona”. Questo libro è scritto specialmente per i giovani alla ricerca di un ideale per spendere bene la propria vita. Come Clemente Vismara, se il Signore vi chiama, non ditegli di no: avrete una vita faticosa ma piena di gioia, per aver fatto “felici gli infelici”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*